La famiglia dei Malabaila apparteneva ad una dinastia di “casanieri” (proprietari di banche) astigiani i quali, grazie al riconoscimento da parte dell’autorità politica, godevano di un notevole potere; da qui la volontà di costruire a Bra, dove si trasferirono agli inizi del XV secolo, un palazzo che riflettesse il loro prestigio. (A. Botta,1982)
 
 
Verso la sommità della torre, in occasione del restauro si sono lasciati in vista dei fori imputati ai colpi di archibugio sparati nel corso di un assalto nemico; a questo proposito il Mathis affermava: “Gli Albrioni furono per lo più altieri e maneschi, sicché in Bra passò il detto: Dio ci salvi dal fulmin, dal tuono / Dalla canna del conte Albriono” (Antonio Mathis, 1888).
 

Stemma della famiglia Albrione, loggiato del 1° piano: “di rosso a due bande d’argento, caduna carica di due rose del campo, bottonate d’oro”.
 
Stemma della famiglia Malabaila, salone del 2° piano: “troncato di quattro pezzi di rosso su tre e due mezzi di argento” (A. Mathis, 1888)