Cardo, cardine: nell’impianto regolare delle città romane e degli accampamenti militari, le strade orientate in senso nord-sud. L’aggettivo maximus definisce l’asse principale

Castra, castrum: accampamento romano a pianta quadrangolare, con assi stradali perpendicolari chiamati cardini e decumani. Per estensione, si intende la fortificazione

Càvea: gradinata di un anfiteatro o di un teatro in cui si sedevano gli spettatori

Centuriazione: sistemazione agraria e divisione dei terreni che accompagnavano la fondazione di una colonia. Prevedeva generalmente la creazione di appezzamenti quadrati (centuriae) con lato di 20 actus (m 710 circa), corrispondenti a 100 lotti (heredia) da assegnare ad altrettanti coloni. Le centuriae erano divise da assi tra loro perpendicolari, orientati in senso nord-sud ed est-ovest, denominati rispettivamente cardine (cardo) e decumano (decumanus), cui si sovrapponevano le strade, che formavano una fitta rete di collegamento all’interno del territorio

Ceramica Attica: classe di ceramica contraddistinta da un’argilla di colore rossastro, tipica dell’Attica, in Grecia, e largamente diffusa nel periodo compreso tra la metà del secolo VIII e la fine del secolo IV a.C. in tutto il Mediterraneo, in quanto considerata oggetto di lusso e segno di distinzione sociale. In particolare, due furono i periodi di maggiore esportazione: la metà del VI secolo a.C. e gli anni tra il 470 e il 420 a.C. circa, vale a dire nel momento di massimo sviluppo politico e artistico di Atene. La produzione di ceramica attica si suddivide in tre fasi: geometrica, protoattica e attica. Nel periodo attico (VI-IV secolo a.C.) i manufatti raggiungono un livello tecnico e artistico che supera quello di tutte le altre culture coeve. La produzione consiste dapprima nei vasi a figure nere, arcaici (600-530 a.C.), poi nei vasi a figure rosse di stile dedalico (530-450 a.C.) e successivamente nei vasi a figure rosse di stile classico (450-400 a.C.), con i quali la ceramica attica inizia un lento processo di involuzione, pur esprimendosi ancora attraverso personalità di primo piano. La produzione che va dal 400 al 320 a.C., infine, è improntata a un carattere di netta decadenza, con ceramografi di livello non elevato

Cocciopesto: malta idraulica a base di calce e frammenti di ceramica triturati, usata come impermeabilizzante nelle murature e nei pavimenti

Cristogramma: simbolo cristiano formato dall’intreccio delle lettere iniziali X (Chi) e R (Rho) di Christòs (Cristo)