Spada ripiegata di tipo gallico


La lunga spada in ferro era, con lo scudo e la lancia, uno degli elementi fondamentali dell’armamento dei guerrieri Galli. Per il reperto del Museo di Bra non si hanno dati precisi sulla provenienza, ma il fatto che presenti la lama ripiegata indica faceva parte del corredo di una sepoltura a cremazione, probabilmente entro cassetta litica. La deformazione della lama delle armi facenti parte del corredo di una sepoltura, praticata a scopo rituale, stata variamente interpretata. L’ipotesi più seguita è quella che nella distruzione delle armi, assimilabile alla distruzione del corpo nella morte, oltre alla volontà di evitare una perpetuazione del loro impiego quando il proprietario è defunto, vede il mezzo per facilitare il distacco di questo doppio in modo che possa seguire l’anima del defunto nell’aldilà.

Datazione: 400-300 a.C.
Materiale: ferro
Dimensioni: lunghezza ricostruita cm 47
Provenienza: territorio pollentino