Testa ideale

Raffigura una testa con tratti femminili, forse un efebo. La superficie presenta numerose scheggiature; è priva del naso e con una pesante abrasione sulle labbra. La struttura del volto, il modellato e l’acconciatura a ciocche lunghe e ondulate la riconducono alla rielaborazione di età tardo augusteo-tiberiana di teste femminili di età severa (secondo quarto V secolo a.C.). Esse si inseriscono tra le repliche del tipo iconografico noto come “efebo di Via dell’Abbondanza”, di cui sono conservati esemplari al Museo Nazionale Romano.

Datazione: prima metà del I secolo d.C.
Materiale: marmo bianco, di Luni o della Grecia (pentelico)
Dimensioni: altezza cm 28
Provenienza: botteghe di Roma