Torso di satiro o Ercole

Manca la testa, che, lavorata a parte, doveva essere inserita nel torso privo del braccio sinistro e della parte inferiore delle gambe. La figura nuda e stante - un satiro o forse anche lo stesso Ercole – indossa sulle spalle una pelle caprina (leontè) e tiene un’anforetta con la mano destra, che presenta un’evidente rielaborazione. Una serie di fori nella parte posteriore sono dovuti ad un riuso della statuetta in epoca imprecisata.


Datazione: I-II secolo d.C.
Materiale: marmo di Luni
Dimensioni: altezza cm 40
Provenienza: territorio di Pollenzo, in prossimità di “un muro di tarda età imperiale romana” messo in luce a seguito di lavori agricoli (1909).